Single Blog Title

This is a single blog caption

PRIMA SQUADRA: IL DOPO FALCHI – FIUME VENETO

VISINALE 20 FEBBRAIO 2018

PROMO A – Tonus: “Peccati di gioventù e noi li cerchiamo per scelta”

Il del Prata Falchi dà la sua chiave di lettura sulla sconfitta con il Fiume, ma anche sull’impiego dei fuoriquota, che per qualcuno è un obbligo, e per qualcun altro è una sfida e una vocazione…

 

Nel girone A di Promozione il Flaibano continua imperterrito la marcia verso l’Eccellenza, seguito a cinque punti dal Fiume Veneto/Bannia, corsaro in quel di Prata per 2-1 frenando la corsa dei biancoazzurri verso i play-off. A proposito di Prata Falchi, sentiamo le opinioni del ds Paolo Tonus che ci racconta questa battuta d’arresto rimediata in casa con il Fiume Veneto/Bannia anche se nel finale il pareggio era a portata di mano e non disdegna un bacchettata sull’utilizzo dei fuoriquota.

E’ stata una buonissima partita, non avevamo nulla da perdere in quanto a lottare per vincere il campionato è il Fiume Veneto, squadra attrezzata che utilizza il numero minimo dei fuoriquota obbligatori. Viceversa noi del Prata Falchi disputiamo un campionato che ci permetta di valorizzare al massimo i giovani e la prova sta nel fatto di aver messo in campo ben sei fuoriquota. Sulla partita, sui due rigori concessi contro, l’arbitro ha deciso in quel modo, personalmente non mi trovo del tutto d’accordo con lui sul gol annullato a Fabbro sullo 0-0 per un fuorigioco da rivedere. Successivamente abbiamo cercato di opporci al meglio possibile a questa corazzata che, a mio avviso, vincerà il campionato.”

Analizzando questa sconfitta, ha visto dei problemi in qualche reparto?
“Non si tratta di una problematica di reparto, il calcio vive di episodi e su entrambe le situazioni dei due rigori, molto probabilmente l’ingenuità dei ragazzi del 2000 fa la differenza e in qualche circostanza il passaggio errato porta poi a cercare il rimedio in situazione comunque di pericolo. Ripeto, siamo contenti della prestazione, alla fine siamo andati vicinissimi ad un pareggio che poteva essere meritato col palo colpito. Accettiamo il risultato e proseguiamo con il nostro lavoro ed è questo che ci soddisfa maggiormente”.

Peccati di gioventù possiamo chiamarli.
Penso sia anche giusto, tutti quanti si riempiono la bocca parlando di far giocare i giovani e poi invece, assieme al Casarsa che ritengo società col settore giovanile importante, siamo le uniche squadre che normalmente alla domenica schierano quattro, cinque o sei fuoriquota in campo. Non giochiamo sempre con i giovani a fare i due esterni bassi come ha visto fare il Fiume Veneto. Non è una polemica, una squadra in prospettiva di vittoria finale opta per queste soluzioni, ne prendiamo atto, tutto qui.”

Il discorso dei fuoriquota, un problema reale soprattutto dei portieri, mette in crisi anche i tecnici della rappresentativa regionale: ne è convinto?
Infatti e non dobbiamo poi pretendere di essere competitivi se non diamo lo spazio e la possibilità di mettere in luce dei ragazzi che hanno la bravura, magari anche sbagliando per imparare, per poter poi essere inseriti in determinate situazioni. Questo è il mio pensiero ma non deve essere necessariamente condiviso da tutti, ognuno a casa sua lavora come meglio crede”.

SU GENTILE CONCESSIONE DI FRIULIGOL

FONTE UFFICIO STAMPA FALCHI CALCIO

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: