Single Blog Title

This is a single blog caption

GIOVANISSIMI REGIONALI : ULTIMA DI CAMPIONATO COL BOTTO !

VISINALE 20 MAGGIO 2018

20 maggio 2018, i Giovanissimi Regionali di mister Statuto (e di Tiziano), chiudono il campionato vincendo nettamente per 4-1 una partita dominata dal 7° minuto del primo tempo. In effetti gli avversari entrano in campo col coltello tra i denti e partono lancia in resta (cavoli, quante armi n.d.r.), per però cedere rapidamente di fronte alla oggettiva superiorità dei padroni di casa. Al di là della battuta sulle armi c’è da elogiare squadra, genitori e staff degli ospiti, che si sono comportati diligentemente dal loro arrivo al campo e fino al commiato, dopo il pranzo presso i vicini campi d’allenamento.
La sintesi:
Al 3° minuto il Pro Romans di giallo vestito (con bandina rossa) non sfrutta il primo corner della partita e 4 minuti appresso Bruccoleri tenta di portare in vantaggio la sua squadra in tradizionale divisa nera con banda rossa, ma il suo tiro termina lontano dai pali. Al 9° sono gli ospiti a calciare verso la porta, ma Lorenzon sventa agevolmente. Sul rovesciamento di fronte, è la volta dei Falchi a battere – e non sfruttare anch’essi – il loro primo calcio d’angolo, ma al 12° Marin pesca Consorti al limite dell’area, che salta il diretto avversario e realizza il goal del vantaggio. Due minuti dopo ci riprova di testa, ma la conclusione è troppo centrale per impensierire il portiere. Trascorre un solo minuto e Michelazzo ruba palla furbescamente (nonostante figlio di carabiniere, che ci permettiamo di salutare goliardicamente e affettuosamente) sulla indecisione ed incomprensione tra difensore e portiere avversario, mettendoci la punta del piede e mandando la sfera a superare la linea di porta. Siamo sul 2-0, nemmeno il tempo di rimprendersi dal colpo subito e al 18° il Pro Romans subisce il goal del 3-0 grazie ad un rigore concesso su netto fallo di mano volontario del capitano degli ospiti. Il primo tempo non offre molto altro, a parte un calcio d’angolo, un tiro alto dei ragazzi in giallo ed un liscio davanti porta di Michelazzo, ben servito da Consorti.
La seconda frazione di gioco vede Sarri sostituire Lorenzon, prima che scatti il primo minuto e pochissimo dopo Marin cercare il “golazzo” dalla distanza, ma col pallone a lato, ossia con lo stesso risultato del pallone calciato un minuto dopo da Coral, anche lui in cerca di gloria personale. Al minuto 9 il portiere ospite disinnesca bene in angolo la conclusione di Consorti e 4 minuti dopo Caverzan rileva Busetto. Polo prova a salire in cattedra al 14°, ma il pallone sorvola la traversa. Altro tiro ed altro palo sfiorato al minuto 15, questa volta da Consorti, che però avrebbe forse potuto servire Nicolae meglio appostato. Poche decine di secondi e sul fronte opposto Sarri para senza problemi la conclusione debole degli ospiti e sulla ripartenza Polo cerca di gabbare il portiere con un tiro da molto lontano, ma anche in questo caso palla di poco a lato. Nonostante il risultato possa portare a pensare ad una partita finita, le occasioni fiocano ancora e non a caso al 20° il portiere del Pro Romans è nuovamente impegnato, stavolta da Nicolae. Nei 6 minuti successivi assistiamo ad un calcio d’angolo per i ragazzi in giallo, al cambio Alex/Alessio (Battiston/Dudas) e a due corner per i giocatori di Visinale. Finchè al minuto 29 si rivede il Medea (sì, avete ragione, sembra si tratti di un triangolare, ma non è così: la squadra ospite si chiama Pro Romans Medea n.d.r.) allorquando un pallone calciato su punizione, viene sfiorato di testa da Bulli, che così involontariamente serve un avversario che d’un soffio anticipa Sarri in disperata uscita bassa. E’ il 3-1, ma trattasi del cd. “goal della bandiera”, perchè due minuti appresso il risultato si porta sul 4-1, grazie a Bruccoleri, lanciato da Polo. Negli ultimissimi minuti c’è ancora spazio per l’una e per l’altra compagine, infatti alla staffilata su punizione del Pro Romans, fuori di poco al 33°, rispondono i ragazzi in nero al minuto 35, con una caparbia azione solitaria di Caverzan, la cui conclusione termina sul 7 e mezzo (ossia sfiora il 7…una cavolata, ma a fine campionato siamo tutti un po’ stanchi dai…).
Partita insomma abbastanza divertente (l’articolo si spera, anche), giocata a buoni ritmi, visto anche il clima caldo della mattinata. Vittoria che i ragazzi (e lo staff) hanno dedicato a Turchetto, neo-operato, presente a bordo campo e raggiunto dall’intero gruppo a termine della partita, per festeggiare, attendendolo il prossimo anno. (Omar Battiston).

FALCHI NEETWORK NEWS

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: